Vendere una casa in comproprietà fra coniugi: chi firma il compromesso

Per vendere una casa in comproprietà fra coniugi in regime di comunione dei beni, è necessaria la firma di entrambi o è sufficiente quella di uno dei due?

Un chiarimento molto importante che riguarda la vendita di un’abitazione in comproprietà fra coniugi in regime di comunione dei beni. Nello specifico, si tratta della firma del preliminare di vendita che dovrebbe avvenire alla presenza di entrambi gli intestatari dell’immobile che si va a vendere.

A chiarire è una recente sentenza della Corte di Cassazione. Bisogna innanzitutto ricordare che in caso di contitolarità di un bene, è necessario che tutti i comproprietari diano il consenso alla vendita, non può uno su tutti procedere in tal senso, salvo che non sia stata conferita un’apposita delega. In buona sostanza, ci deve essere un accordo di tutti per vendere qualsiasi bene.

Quando però si tratta di coniugi in comunione dei beni, il Codice Civile stabilisce che il trasferimento compiuto solo dal marito o dalla moglie, seppur in assenza del consenso dell’altro, resta efficace a meno che il comproprietario non lo impugni. Per l’impugnazione da parte del coniuge non consenziente, c’è un anno di tempo.

In linea di massima, ciascun coniuge non può vendere da solo i beni acquistati in comunione senza essere in possesso dell’autorizzazione dell’altro, tuttavia, l’atto di vendita resterà valido anche se con conseguenze diverse a seconda che si tratti di beni immobili o mobili.

L’acquirente della casa non può richiedere l’annullamento della vendita nel caso in cui la firma fosse di uno solo dei coniugi anche se in assenza del consenso, può però domandare il risarcimento del danno se l’altro coniuge ottiene l’annullamento dell’atto. Il notaio può rogitare un contratto di straordinaria amministrazione in cui intervenga uno solo dei coniugi non essendo nullo l’atto.

Il coniuge che non ha dato il proprio consenso alla vendita firmata solo dall’altro, ha comunque la possibilità di convalidare l’atto con una dichiarazione espressa che manifesti l’intenzione di convalidarlo.

Fonte: homerating.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...