Tende da sole esterne in condominio: cosa dicono legge e Codice civile

L’installazione di tende da sole esterne in condominio devono rispettare il regolamento condominiale, le regole imposte dalla legge e dal Codice civile

Con l’arrivo del grande caldo, le tende da sole esterne rappresentano una protezione che in qualche modo rinfrescano la casa. L’installazione è possibile, naturalmente, ma ci sono alcune regole da rispettare, ad esempio, il regolamento di condominio, ma anche la legge ed il Codice civile.

Come spiega La legge per tutti, la prima cosa da fare prima di installare tende da sole esterne in condominio è consultare gli eventuali vincoli previsti dal regolamento che, ad esempio, potrebbe imporre l’obbligo di approvazione di un unico colore e/o modello con delibera assembleare. Tuttavia, gli eventuali limiti sono validi solo se il regolamento è stato approvato all’unanimità o con approvazione del regolamento redatto dal costruttore, al momento dell’acquisto di ogni singolo appartamento davanti al notaio, da parte dei singoli condomini. In più, per essere opposto ai successivi acquirenti degli appartamenti, il regolamento deve essere allegato o citato nell’atto di acquisto dell’appartamento o trascritto nei pubblici registri immobiliari.

Se il regolamento non specifica nulla, si è tenuti comunque a rispettare il decoro architettonico dell’edificio, vale a dire l’estetica del fabbricato. Questo significa che non ci si può discostare troppo sia dal colore della facciata dell’edificio, sia dal colore delle altre tende. Considerando che installare tende da sole ha un costo, per evitare eventuali contestazioni e l’obbligo di rimozione forzata, anche con un ordine del tribunale, meglio sarebbe proporre modello e colore in riunione di condominio per ottenere una delibera che autorizzi al montaggio.

Inoltre, in presenza di balconi aggettanti, quelli cioè che sporgono dall’appartamento e si affacciano sull’aria aperta, avanti alla facciata dell’edificio, è necessario chiedere il permesso al proprietario del piano di sopra. Se i balconi sono dotati di elementi architettonici di abbellimento, dunque di proprietà al condominio, è necessario richiedere l’autorizzazione.

Un problema frequente da affrontare nel caso di installazione di tende da sole è la distanza da rispettare ed il diritto di veduta dell’appartamento del piano superiore. Il Codice civile stabilisce che bisogna rispettare la distanza legale di 3 metri. In verità la norma parla di “costruzioni”,tuttavia, è anche vero che le tende da sole possono pregiudicare il diritto di veduta del condomino del piano di sopra. Per cui, secondo la Cassazione, il limite di distanza dei tre metri può essere applicato anche alle tende da sole.

Fonte: homerating.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...